Cidades Sustentáveis Amigas da Criança

  • Cidades Sustentáveis Amigas da Criança

    Inizia oggi a Maputo in Mozambico il convegno “Cidades Sustentáveis Amigas da Criança” organizzato da UNICEF Mozambique e ANAMM – Associação Nacional dos Municípios de Moçambique in collaborazione con il Comune di Reggio nell’Emilia e il Comune di Milano
     
    Il convegno è l’occasione per presentare ufficialmente il progetto “Child Sustainable Cities and Urban Spaces”.
    Nel 2016, in collaborazione con UNICEF, un gruppo di Municipi ha deciso di dare priorità ai #bambini nel definire spazi e servizi di qualità. Insieme alla mancanza di risorse, i municipi hanno identificato come prioritaria la mancanza di una capacita politica e istituzionale nell’organizzare e capitalizzare tale scelta, e hanno chiesto a UNICEF di facilitare lo scambio con altre Autorità Locali. Da qui l’esigenza di avviare questo progetto, che si avvale dell’esperienza di diversi Comuni italiani che insieme hanno creato un capitale che può essere condiviso con altri attori istituzionali pari in paesi in via di sviluppo, dove la mancanza di esperienza nel saper organizzare a capitalizzare queste esperienze è ancora più urgente che la stessa mancanza di fondi.

    Il progetto
    Questo progetto si è sviluppato dall’incontro di due approcci: una nuova cultura della città, che incoraggia i cittadini a partecipare in processi finalizzati a rendere l’ambiente fisico e sociale più sostenibile ed equo, e di una nuova visione dell’infanzia, che riconosce il bambino come soggetto attivo fin dalla sua più giovane età e portatore di diritti potenzialità di relazione, autonomia e creatività.

    Partendo da questi due approcci ed assunti iniziali, il Progetto vuole facilitare e sostenere:

    • una nuova visione dell’infanzia, che sottolinea il riconoscimento del diritto di cittadinanza dei bambini e della necessità della loro partecipazione;
    • un nuovo ruolo delle amministrazioni locali, in particolare per la capacità di inserire temi relativi all’infanzia in modo trasversale nell’agenda politica, di promuovere e facilitare la partecipazione della cittadinanza, di favorire il lavoro intersettoriale e la complementarità tra il livello centrale e quello territoriale;
    • una collaborazione sistematica e pianificata con il settore del privato-sociale, cui viene riconosciuto un ruolo critico, ed un’interazione con il mondo economico;
    • una nuova visione della città, che si prefigura come ‘amichevole’ e sostenibile, come un luogo di vita dove la comunità si riconosce e nella quale l’integrazione si coniuga con la diversità, l’identità, e con il senso d’appartenenza.

    Obiettivi
    Obiettivo generale:  empowerment delle municipalità Mozambicane coinvolte  nel disegnare politiche sostenibili a partire dall’infanzia.

    Obiettivi specifici:

    • Identificare aree e criteri di intervento sostenibili che le municipalità possono realizzare per dare priorità ai bambini;
    • Dare assistenza tecnica nel disegnare tali interventi, tenendo conto della realtà e risorse esistenti;
    • Collaborare nella certificazione e riconoscimento di quei municipi che hanno effettivamente realizzato gli interventi programmati.